Emoj

EMOJ, the first spin-off from the Marche University Polytechnic, is at the forefront of Italian customer experience and emotional intelligence technology. It was conceived by five inspired young researchers and two visionary businessmen, whose combined efforts have led to the development of a set of innovative solutions for emotional data and intelligence analytics. EMOJ provides advanced technologies for smart retail, hospitality and museums, enabling them to create a deep emotional connection with their customers. The aim is to build a sensory space to make visitors feel at home and promote engagement.

 

Il progetto Emoji, avviato nel 2017, si concentra sullo sviluppo e applicazione di una tecnologia di emotional analytics e intelligenza artificiale che permette di riconoscere il sesso, l’età, le emozioni e lo sguardo da immagine riprese da una qualsiasi tipo di videocamera. Il sistema sfrutta un algoritmo proprietario oggetto di brevetto.
“La nostra tecnologia consente di monitorare lo stato d’animo e il comportamento delle persone riprese dalla videocamera per i più vari utilizzi” spiega Maura Mengoni, presidente dell’azienda creata in seno alla Facoltà di Ingegneria dell’Università Politecnica delle Marche. “Il suo impiego impatta sia a livello virtuale, sia a livello fisico”.
Le applicazioni a livello fisico, principalmente rivolte alla domotica, comprendono la possibilità di adattare l’ambiente allo stato emotivo dell’utente. Per esempio modificando l’illuminazione della stanza, selezionando il sottofondo musicale più adeguato o agendo sulla temperatura.
In ambito automotive, invece, l’uso delle tecnologie di emotional analytics permettono di migliorare i sistemi di sicurezza, agendo per esempio sul livello di attenzione dell’autista.